about-us

ABOUT US

SeedUp è un “acceleratore di idee” che opera per favorire lo sviluppo di progetti imprenditoriali.

La società è stata fondata nel 2015 da giovani imprenditori, professionisti universitari e società operanti nel settore della consulenza finanziaria. L’insieme delle esperienze maturate, del network e della professionalità dei soci, rende SeedUp il miglior socio e partner che un giovane imprenditore possa desiderare al suo fianco.
La società, attraverso il programma di accelerazione, offre l’assistenza per affrontare in modo professionale tutte le incombenze organizzative, operative e strategiche che si possono manifestare in una startup; inoltre rappresenta un’opportunità per entrare in maniera veloce e competitiva nel mercato di riferimento.

services

SERVICES

Immissione immediata dei capitali necessari al sostentamento iniziale del progetto.

Interazione privilegiata con imprenditori e professionisti del settore di riferimento per la più idonea definizione dell’idea progettuale.

Assistenza qualificata per la realizzazione del business plan e di tutti i documenti necessari per una efficace presentazione del progetto ad investitori e partner.

Ricerca ed individuazione delle più idonee risorse finanziarie necessarie per lo sviluppo del business.

Servizi di mentoring volti alla valutazione nonché fattibilità della business idea e del business model. Durante questa fase, si assiste l’imprenditore a migliorare ove possibile l’idea progettuale.

Servizi di portfolio: attività di networking intesa come link sia al mondo accademico che a quello economico e finanziario; ricerca di personale qualificato utile alla crescita del progetto; implementazione della struttura organizzativa societaria; assistenza per la partecipazione a bandi e gare; ricerca di fonti finanziarie.

team

TEAM

RENATO ESPOSITO

RENATO ESPOSITO

Presidente
ALBERTO CELENTANO

ALBERTO CELENTANO

CEO
ANGELO BRUSCINO

ANGELO BRUSCINO

EQUITY PARTNER
LUCA SPOLDI

LUCA SPOLDI

Presidente Comitato Tecnico Scientifico
ROSARIO VOZZOLO

ROSARIO VOZZOLO

Comitato Tecnico Scientifico
CARMINE TAVANO

CARMINE TAVANO

Comitato Tecnico Scientifico
LUCIO PESSOLANO FILOS

LUCIO PESSOLANO FILOS

ADVISOR
GENNARO NELSON ESPOSITO

GENNARO NELSON ESPOSITO

CONSULENTE LEGALE
RENATO ESPOSITO

RENATO ESPOSITO

Presidente
ALBERTO CELENTANO

ALBERTO CELENTANO

CEO
ANGELO BRUSCINO

ANGELO BRUSCINO

EQUITY PARTNER
LUCA SPOLDI

LUCA SPOLDI

Presidente Comitato Tecnico Scientifico
ROSARIO VOZZOLO

ROSARIO VOZZOLO

Comitato Tecnico Scientifico
CARMINE TAVANO

CARMINE TAVANO

Comitato Tecnico Scientifico
LUCIO PESSOLANO FILOS

LUCIO PESSOLANO FILOS

ADVISOR
GENNARO NELSON ESPOSITO

GENNARO NELSON ESPOSITO

CONSULENTE LEGALE
gap
partners

EQUITY PARTNERS

Ambiente S.p.A.
B.Energy
6 in Rete
Meridie Advisory
Atitech
Capri Moonlight

equity-partners

PARTNERS

Università Suor Orsola Benincasa
Associazione Italia startup
Circuito Felix
Shake Up
Meridonare
TechItalia
raccontaci-la-tua-idea

Aiuta le tue idee a crescere!

raccontaci la tua idea

primo-piano

NEWS

River Cleaning vince contest “Dall’Idea all’Impresa Verde” edizione 2019

River Cleaning vince contest Seedup 2019

E’ River Cleaning la startup vincitrice della terza edizione del contest “Dall’Idea all’Impresa Green”, organizzato anche quest’anno dall’acceleratore Seedup per premiare la migliore business idea in ambito “verde”.

Nata da un’idea di quattro amici di Bassano del Grappa (Giorgio Mattiello, Kriss Gheno, Alex Citton e Andrea Citton), River Cleaning ha sviluppato un prototipo di un piccolo mulino galleggiante auto-alimentato dalla forza della corrente stessa del fiume che una volta allineato con altre unità dello stesso tipo consente di intercettare rifiuti galleggianti spinti in modo passivo verso un contenitore che può poi essere svuotato senza bisogno di alimentazione esterna e senza manutenzione costante.

Seedup: in tre anni esaminate 100 candidature

Con la vittoria dell’edizione 2019 del contest “Dall’Idea all’Impresa Green”, River Cleaning si aggiudica 10 mila euro di seed in contanti e servizi. Grande soddisfazione viene espressa da Alberto Celentano, Co-founder e Ceo di Seedup, che ricorda come in tre anni siano state presentate e vagliate un centinaio di candidature per il contest che l’acceleratore ha pensato per sostenere, con l’aiuto dei suoi sponsor e partner, lo sviluppo di progetti imprenditoriali innovativi nel settore della green economy/circular economy, la diffusione della cultura imprenditoriale e lo sviluppo di una maggiore cooperazione tra imprese consolidate, investitori istituzionali e privati e il mondo delle startup.

Pecoraro Scanio: tema green sta a cuore ai giovani

Presente alla manifestazione, svoltasi presso la Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, Alfonso Pecoraro Scanio, ex ministro dell’Ambiente ed attuale docente presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e di Tor Vergata a Roma, è apparso visibilmente soddisfatto del successo della call che come sempre ha raccolto candidature da tutta Italia, “a dimostrazione che il tema green sta a cuore ai giovani”.

Presenti in veste di finalisti alla elevator pitch competition che ha concluso l’edizione 2019 del contest di Seedup anche Virbio (tracciamento dei rifiuti tramite blockchain), Crowdforest (intelligenza artificiale applicata alle tecnologie della riforestazione di precisione), Algalive (riduzione dell’utilizzo della plastica) e Artmotor (motori camless), che hanno saputo interessare con le presentazioni delle loro idee di business la giuria e il numeroso pubblico intervenuto all’evento.

NextWin, il 2018 si è concluso con una vittoria in Silicon Valley

Nextwin Invictus

Il 2018 è stato un anno da ricordare per la startup Nextwin, il social game di pronostici che ha sviluppato il primo consulente basato sull’intelligenza artificiale (AI) per seguire gli scommettitori, Invictus, un algoritmo in grado di dare segnali di investimento utilizzando i big data provenienti dal mondo dello sport e da community dedicate, realizzato anche grazie alla partnership con SeedUp.

Nextwin ha infatti vinto la pitch competition presso il Launch Scale di San Francisco, davanti ad una giuria composta da alcuni dei protagonisti dell’ecosistema startup della Silicon Valley.

Nextwin piace anche alla Silicon Valley

Tra essi Jenny Lefcourt (Freestyle Capital), Ed Roman (Angel), Kira Noodleman (Bee Partners) e soprattutto Jason Calacanis, imprenditore, blogger e angel investor americano di successo che ha mostrato molto interesse nei confronti di Invictus e dei possibili utilizzi dell’AI nel campo sportivo.

Launch Scale è un evento-vetrina di rilevanza mondiale per l’ecosistema startup svoltosi presso il famoso Bespoke coworking, fulcro dell’innovazione cittadina in pieno centro aSan Francisco.

La missione di Launch Scale, attraverso una serie di panel e pitch competition, è offrire alla folta platea di founder che partecipano all’evento la possibilità di fare scaling, trovando nuovi finanziamenti a livello internazionale, ma anche una vetrina per presentare i propri prodotti e servizi.

Nextwin launch scale

Invictus può espandersi su scala internazionale

In Italia viviamo nel mito della Silicon Valley e solo l’idea di poter partecipare ad un evento di questo calibro era per noi già il raggiungimento di un traguardo”, racconta Alessandro Salvati, Ceo di Nextwin.

Vincere la pitch competition è stata davvero una grande soddisfazione per il livello della competizione ma soprattutto per l’interesse verso il nostro progetto manifestato durante la sfida e a margine dell’evento da parti di attori di rilievo sulla scena startup americana e di operatori di venture capital”. 

Questa affermazione, conclude Salvati, “testimonia la facile replicabilità del modello Invictus su mercati internazionali”.

Nextwin in finale anche a Sigma 2018

Un successo, quello al Launch Scale, che si affianca all’ingresso nella top 10 nella pitch competition del Sigma 2018, competizione tra le più importanti a livello europea in chiave gaming.

In questo caso la startup italiana ha superato una selezione effettuata su oltre 200 partecipanti, presentando il proprio progetto ad una giuria molto qualificata composta tra gli altri da Melissa BlauMortn KleinCarla Maree Vella e Petter Moldenius.

Un’occasione prestigiosa per entrare in contatto con le più grandi aziende del settore, che hanno apprezzato il livello di crescita ormai raggiunto da Nextwin a livello europeo.

Green economy creerà 24 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030

economia circolare cover

Entro il 2030 l’economia verde creerà 24 milioni di nuovi posti di lavoro in tutto il mondo, almeno se verranno messe in atto le giuste politiche per promuovere la green economy. Il dato è emerso da uno studio dello scorso anno dell’International Labour Organization (agenzie che fa capo all’Onu che dal 1919 unisce governi, aziende e lavoratori di 187 paesi del mondo) dedicato all’esame di come le politiche per limitare il riscaldamento globale a 2 gradi Celsius si tradurranno in una creazione di posti di lavoro sufficiente più che compensare la perdita di 6 milioni di posti di lavoro altrove.

Green economy: chi ci guadagna e chi ci perde

Come sempre in economia il bilancio tra benefici e costi non sarà uguale per tutti: a livello regionale, ci si attende una creazione netta di posti di lavoro nelle Americhe, in Asia-Pacifico e in Europa, che vedranno rispettivamente la creazione di circa 3 milioni, 14 milioni e 2 milioni di posti di lavoro derivanti dalle misure adottate nella produzione e nell’uso dell’energia. Al contrario, potrebbero esserci perdite nette di posti di lavoro in Medio Oriente (-0,48%) e in Africa (-0,04%) se i trend attuali continueranno, a causa della dipendenza di queste regioni rispettivamente dai combustibili fossili e dalle miniere.

Settore petroliferà soffrirà da boom rinnovabili

Nel complesso, dei 163 settori economici analizzati solo 14 subiranno perdite di occupazione per oltre 10.000 posti di lavoro in tutto il mondo e solo due (estrazione petrolifera e raffinazione petrolifera) soffriranno perdite per oltre 1 milione di posti di lavoro. Saranno invece creati 2,5 milioni di posti di lavoro nel settore delle energie rinnovabili, compensando circa 400.000 posti di lavoro persi nella generazione di elettricità basata sui combustibili fossili.

Economia circolare creerà 6 milioni di posti di lavoro

Cosa ancora più interessante, ben 6 milioni di posti di lavoro potranno essere creati passando ad una “economia circolare” che comprende attività come il riciclaggio, la riparazione, l’affitto e la rigenerazione che andranno a sostituire il tradizionale modello economico basato sul ciclo: estrazione, produzione, uso e smaltimento. Non è un caso se SeedUp ha deciso di puntare proprio sulle tematiche dell’economia circolare quale focus dell’edizione 2019 dell’ormai tradizionale contest “Dall’Idea all’Impresa Green”: che aspettate a presentare la vostra idea e cercare di portare a casa il nostro seed da 10 mila euro tra cash e servizi?

contacts

CONTACTS

"Consenso al trattamento dei dati (art. 13 del D. Lgs. 196/2003)"

Viale Gramsci, 17/b – 80122 Napoli

info@seedup.it

follow-us

FOLLOW US